Cappelle

 

Ad Avegno sorgono numerose cappelle. Ritenuta tra le più eleganti del Ticino, quella situata in un prato a Terra di dentro conserva, nonostante l'origine settecentesca, affreschi dai colori vividi e luminosi. L'ignoto autore ha raffigurato sulla piccola volta la SS. Trinità, nella nicchia la Madonna che tiene il Bambino in un'insolita postura a cavalcioni sulle ginocchia, un angelo dalla foggia vagamente profana che suona un flauto, i cherubini tra le nubi, i santi Caterina, Francesco e Carlo. Festoni multicolori di foglie e fiori ingentiliscono il fronte dell'arco.

A Terra di fuori, all'inizio della strada per i monti, una piccola edicola è inserita sulla parete di una stalla e porta una scritta datata 1746. All'esterno della nicchia la figura di Cristo che consegna le chiavi a san Pietro è avvolta in ricchi panneggi dai vividi colori; entrambe le figure poggiano su poderose mensole. Nella nicchia un'affollata scena della Natività. La mano che affrescò questa cappella appartiene ad un pittore di ottima scuola e, mentre l'attribuzione a G. Antonio Orelli di Locarno resta incerta, si può pensare che lo stesso pittore affrescò il bellissimo Angelo Custode sulla cappella di Martigana, situata a circa 15 minuti da Avegno lungo la strada che sale sui monti. Anche in questa cappella l'Angelo ed il bambino da lui protetto poggiano leggeri su un grande zoccolo e sembrano staccarsi dal muro con un pregevole effetto plastico. La pennellata morbida fa muovere la bianca veste e il rosso mantello.

Un'altra cappelletta la si può trovare ad Avegno di dentro: all'interno della nicchia un'azzurra Madonna del Rosario, inquadrata dai tondi dei misteri, è chinata dal suo trono di nubi su san Domenico e santa Caterina; semplici sono le linee delle forme e i toni dei colori, quasi a voler rispecchiare l'agreste bellezza del luogo. A sinistra in basso è dipinta una scena di ex voto.

Indirizzo

6670 Avegno

Posizione