Itinerari naturalistici: Locarnese e Gambarogno

 

In tutto il Locarnese e il Gambarogno, ma in modo più pronunciato sulla riva destra del Lago Maggiore o Verbano, zone dal clima mite, crescono soprattutto in parchi e giardini piante esotiche dalle foglie dure e persistenti (tra esse Alloro, Ulivo, Camelia, Canforo, Azalee e Rododendri, Magnolia, Palma giapponese, P. delle Canarie, Agave) che hanno modificato il vero aspetto del paesaggio collinare. Da Locarno si possono progettare amene escursioni di un giorno che conducono ai villaggi di collina; offrono un grandioso panorama che spazia verso il piano, ancora più ampio se si sceglie quale meta Cardada. Una gita tra Arcegno e Brissago passando da Ronco s/A. lascia un ricordo indimenticabile. Locarno e i paesi rivieraschi di Ascona e Brissago (raggiungibili con il battello) riservano grandi sorprese e altrettanto quelli del Gambarogno. Una fermata alle Isole di Brissago, Parco botanico del Cantone Ticino, trasporterà il visitatore come in sogno in paesi subtropicali di tutto il mondo. Una gita a piedi lungo la riva del lago, da Locarno passando per Muralto, conduce a Minusio attraverso giardini pubblici ricchi di piante esotiche; fuori della città, oltre il ponte della Maggia, in territorio di Losone, c'è il Sentiero naturalistico della Collina di Maia, ben segnalato e di facile accesso.

  • Carlo Franscella

  • Indirizzo

    Ascona-Locarno Turismo,

    Contatti

    info@ascona-locarno.com

    +41 848 091 091