Locarno

Circolo del cinema Locarno - Woodstock

22.02.2019

Circolo del cinema di Locarno - Rassegna "Musica e Cinema". In collaborazione con la Scuola popolare di musica di Locarno.

 

film: WOODSTOCK

 

regia: Michael Wadleigh

sceneggiatura: Michael Wadleigh

assistenti: Martin Scorsese e Thelma Schoonmaker

fotografia: Malcom Hart, Don Lenzer, Richard Pearce, Michael Wadleigh

montaggio: Thelma Schoonmaker, Martin Scorsese, Michael Wadleigh

suono: Eddie Kramer

anno: Usa 1970

durata: 224 min.

v.o. inglese, sottotitoli italiano

 

50 anni Woodstock: il più leggendario festival di tutti i tempi festeggia 50 anni.

E‘ stato il culmine del movimento Flower-Power della cultura Hippie, ma anche il capolinea della speranza che con il Rock si potesse cambiare il mondo: il Festival di Woodstock, tre giorni di amore, pace e musica. Doveroso ricordare che a quei tempi gli Stati Uniti erano impegnati nella guerra del Vietnam e dovevano ancora assorbire lo choc per gli assassini di John e Robert Kennedy, di Malcom X e Martin Luther King e nel mondo era ancora fresca la rivolta del maggio ‘68.

Il raduno ebbe inizio il 15 agosto 1969 con il cantante Folk Richie Havens (Freedom) e si concluse il 18 agosto quando il gruppo del geniale Jimi Hendrix rimandò sulla strada di casa gli spettatori con la sua Hey Joe. Tre giorni con tanta musica nel segno dell’amore e della pace su una superficie di 2,4 chilometri quadrati di un’area privata a Bethel nello stato di New York. Mezzo milione di appassionati si recarono all’evento, l’unico rimasto indimenticato fino ad oggi. Furono 32 tra gruppi e artisti solisti a calcare il palco, proponendo Folk, Rock, Psichedelia, Blues e Country music, tra i quali occorre ricordare il già citato Jimi Hendrix, i Ten Years After, Carlos Santana, i Canned Heat, i Greatful Dead, i Mountain, la Creedence Clearwater Revival, Janis Joplin e gli Who.

Oltre a catturare la maggior parte dei gruppi e dei musicisti esibitisi durante la tre giorni (i Grateful Dead, “strafatti” e convinti di aver suonato male, hanno ottenuto che la loro “performance” non fosse inserita nel documentario), i momenti precedenti (l’arrivo della marea di gente, le colonne chilometriche di macchine variopinte, la reazione degli abitanti della zona), la vita all’interno del parco (compreso il famoso “bagno di fango”) e le ore successive al grande evento (dichiarazione di “zona sinistrata”, ritorno a casa), il film resta una preziosa ed imprescindibile testimonianza di un periodo storico (la fine degli anni ’60), che sembrava potesse cambiare il mondo sull’onda del motto Love, peace and music.

A posteriori, come detto, Woodstock, che sembrava porre le basi per questo “nuovo mondo”, non è altro che il canto del cigno del movimento Hippie, fagocitato subito dopo dal sistema capitalistico, l’industria discografica nella fattispecie, pronta a sfruttare l’enorme potenziale economico indotto dal Rock. A testimoniare la fine del “Flower power” anche i disordini che scoppiarono regolarmente in quasi tutti i grandi raduni successivi, un esempio per tutti l’Isola di Wight nel 1970. 

 

I film vengono proiettati nel GranRex, via Bossi 2, Locarno. 

 

Entrata:

adulti CHF 12.-
apprendisti, beneficiari AVS/AI CHF 10.-
studenti gratis

tessera CCL CHF 40.- / 50.- / 180.- (secondo categoria)

 

Maggiori informazioni: www.cclocarno.ch

 

TIPOLOGIA

  • Cinema

Cerca su ascona-locarno.com


Risultati della ricerca