Locarno

Structured Detour: Marion Baruch

Dal al

Dal 19 maggio al 15 giugno 2019 si tiene presso la rada - spazio indipendente d’arte contemporanea a Locarno - la mostra Structured Detour: Marion Baruch, una mostra curata da Noah Stolz.

Structured Detour è un’esposizione sulla costruzione spontanea del linguaggio e sulle innumerevoli forme combinatorie che esso contiene allo stato potenziale. Tali forme sono luoghi della memoria, di ritrovamenti, o più semplicemente di contemplazione. Ogni sguardo sulla natura astratta del linguaggio - che sia esso composto di suoni, di immagini, di forme o di parole - è un luogo di ritrovamenti. L’opera di Marion Baruch, che a partire dal 2012 si condensa in una ricerca incentrata sui rapporti tra memoria e linguaggio, dialoga con gli spazi de la rada ed offre così l’occasione al pubblico ticinese di conoscere un’artista recentemente ri-scoperta da Noah Stolz, ex direttore dello spazio indipendente d’arte locarnese. 

Structured detour è un’espressione rubata all’antropologia che così descrive la struttura del costume africano della palabre il cui uso è diffuso in molte regioni del continente africano e delle ex colonie. Esso consiste nella costituzione spontanea di un’istituzione sociale, una sorta di assemblea cui partecipa generalmente tutto il villaggio e nella quale ogni seduta ha la funzione di trattare tema per tema, ogni questione di interesse sociale nel modo più democratico possibile, ovvero permettendo ad ognuno di esprimere il proprio punto di vista. Ogni argomento trattato nell’ambito di una palabre è oggetto di una capillare negoziazione e di una approfondita consultazione dell’altro. Ogni palabre segue un protocollo di mediazione che permette agli astanti di prendere gradualmente distanza da una lettura simbolica degli eventi. In questo modo, attraverso un detour (deviazione di percorso) appunto strutturato, ognuno ha la possibilità di metabolizzare una sentenza, o una decisione che sarà il risultato di un percorso comune in cui ognuno possa identificarsi. 

Le “sculptures” di Marion Baruch, sono opere realizzate utilizzando gli scarti di produzione degli atelier di confezione del prêt-à-porter. 

Vernissage: sabato 18 maggio 2019, ore 18.00.

Orari di apertura: 

giovedì-sabato, 14.00 - 19.00 e su appuntamento

Entrata libera.

Maggiori informazioni: www.larada.ch opure [email protected].

 

Legenda foto:

1. Visual & graphic design

 

TIPOLOGIA

  • Mostre e fiere

Cerca su ascona-locarno.com


Risultati della ricerca