Fondazione Ghisla Art Collection

 

Locarno

La Fondazione Ghisla Art Collection, ente senza scopo di lucro, è stata istituita nell’aprile del 2014, con l’intento di mettere a disposizione della collettività un patrimonio artistico di valore internazionale, per essere condiviso da tutti coloro che riconoscono nell’arte una ricchezza indelebile. La sua sede occupa uno stabile di fattura futuristica, realizzato su progetto dello studio d’architettura Moro & Moro di Locarno e si trova nel centro città, a pochi metri dal porto turistico.

La stagione 2022 presenta, nei primi due piane del museo, la nuova scelta di opere provenienti dalla Collezione Ghisla, dove il visitatore compie un viaggio attraverso i lavori dei principali interpreti dell’arte moderna e contemporanea degli ultimi 80 anni. Basquiat, Picasso, Miró, Magritte, Lichtenstein, Warhol, Haring, Rosenquist, Botero, Bonalumi, Tapies, Dubuffet sono solo alcuni tra i nomi degli artisti in esposizione.

Mentre all’ultimo piano si può ammirare la mostra “Naeuma Antimatter” dedicata alle opere di Andrea Mariconti, interessante artista italiano. Nell’esposizione la ricerca sonora contemporanea  incontra la materia secolare del bronzo, in una esperienza sonoro-visiva che ha l’obiettivo di esplorare nuovi percorsi espressivi che coniugano la ricerca scultorea con quella pittorica e musicale.

Come nelle stagioni passate il visitatore riceve, compreso nel prezzo d’entrata, una comoda audioguida che racconta le mostre in italiano, tedesco, francese e inglese.

Il museo è aperto dal 20 marzo 2022 al 8 gennaio 2023.

Orari d’apertura: 

Marzo-Ottobre
mercoledì - domenica: 13.30 - 18.00

Novembre-Gennaio

mercoledì - domenica: 13.30 – 17.30
lunedì - martedì chiuso
 

Prezzi d’entrata
CHF 18.- Adulti
CHF 15.- AVS
CHF 11.- Ragazzi (dai 12 ai 18 anni) e studenti

Bambini fino ai 12 anni gratuito

Per gruppi con visita guidata è richiesta la prenotazione ai nostri contatti.

Accessibile a persone con disabilità.

MUSEI

  • Musei d'arte

Cerca su ascona-locarno.com


Risultati della ricerca